flag flag flag flag flag flag flag flag flag flag flag

Attenuazione dell’eco-10 consigli utili per migliorare la sonorità

L’eco può causare il degrado della sonorità in molt ambienti. L’eco, in altre parole il riverbero, è il riflesso delle onde sonore da determinate superfici. Superfici estese, dure e piatte come pareti nude, soffitti, pavimenti e superfici in vetro sono le cosiddette superfici riflettenti, il che significa che non possono assorbire i suoni a causa del loro materiale e della loro struttura. I suoni rimbalzano da queste superfici avanti e indietro nella stanza. Anche le dimensioni e la forma di una data stanza influiscono sul suono. Più piccola è una stanza, maggiore è il problema causato dai suoni che rimbalzano sulle superfici vicine di pareti, soffitti e pavimenti  creando l’eco. L’eco così formato degrada in modo significativo il suono e a lungo andare porta ad affaticamento dell’orecchio e mal di testa.

Gli arredi ordinari, i mobili, i tessuti possono assorbire solo i toni alti, ma non si arrangiano con gamme più profonde. Con gli elementi diffusori usati durande il trattamento acustico e posizionati nei punti di riflessione e fonoassorbente il problema dell’eco può essere facilmente risolto. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non cadere nell’errore di smorzare eccessivamente! Tutti gli echi sono necessari, ma devono essere tenuti sotto controllo, così come i suoni dei bassi. Una stanza rumorosa ed echeggiante non è solo sgradevole per le orecchie, ma ha anche un effetto negativo sulla nostra salute fisica e mentale. Se vogliamo un ambiente calmo, piacevole e tranquillo, un’acustica perfetta è indispensabile. Negli studi di registrazione e missaggio la gestione dell’eco è ancora più importante. La qualità dell’audio registrato sarà ottimale solo se le condizioni acustiche sono perfette durante la registrazione.

Ecco alcuni suggerimenti per ridurre l’eco:

1. Ogni stanza può essere paragonata a una scatola. Posizioniamo mobili e arredamenti nella stanza che attenueranno alquanto l’eco.

Divano

Arrediamo le stanze con poltrone e divani imbottiti e con i cuscini. Sebbene lo stile minimalista degli interni vada piuttosto di moda oggi, non è ideale dal punto di vista acustico. I mobili ordinarie possono facilmente gestire i suoni più alti, ma non ce la fanno con i suoni più bassi, li riflettono. Se il tempo ci permette, apriamo spesso porte e finestre.

2. Stendiamo un tappeto spesso e a trama fitta sul pavimento in parquet, piastrelle o linoleum coprendo il più grande superfice possibile.

Tapis insonorisé

I rumori dei passi e il rumore di oggetti in caduta possono essere ridotti in modo eccellente con i tappeti giusti. Per l’isolamento acustico e per migliorare l’acustica scegliamo un tappetino insonorizzante. Questi tessuti per la casa sono stati sviluppati appositamente per l’isolamento acustico e per la riduzione del rumore. A differenza dei tappeti tradizionali, questi ultimi possono anche assorbire 20-30 decibel di suono.

3. I suoni vengono riflessi dalle superfici di vetro e vengono filtrati anche i rumori esterni. Anche le tende tradizionali assorbono qualche suono, ma molto meno rispetto a un tessuto progettato per questo scopo. Le tende acustiche possono essere utilizzate anche come divisori di stanze negli uffici di spazi aperti.

tenda insonorizzata

4. Anche i suoni che si accumulano lungo i soffitti, eccheggiano. I controsoffitti e le lampade più grandi possono essere una buona soluzione, ma se stiamo cercando la soluzione ottima, acquistiamo dei pannelli fonoassorbenti che possono essere montati anche a soffitto.

Pannelli acustici a parete

Questi elementi acustici non solo eliminano il suono dell’eco, ma attenuano anche efficacemente il rumore.

5. I suoni riflessi dalle pareti possono essere attenuati dalla pittura, carta da parati o dagli altri rivestimenti murali.

carta da parati insonorizzata

Ci sono anche carte da parati termiche e insonorizzanti che possono essere utilizzate per ridurre il rumore e gli echi in modo ancora più efficace. Si può usare anche vernice a base di gomma o trucioli di legno. Ma tieniamo presente che queste assorbono notevolmente i suoni sopra i 2000 Hz! Quindi la loro applicazione in cinema, sale hi-fi e studi non è consigliata!

6. Non utilizzare esclusivamente elementi fonoassorbenti e trappole di basso, poiché ciò potrebbe provocare un’eccessiva attenuazione della stanza!

Diffusore a parete

Possiamo usare decorazioni murali, sculture e immagini 3D. Posizionare diffusori nei punti di riflessione che diffondono i suoni in modo uniforme su tutta la larghezza di banda.

7. Anche gli angoli sono delle aree problematiche a riguardo di echi. Negli angoli si raccolgono i suoni dei bassi al di sotto dei 300 Hz, quindi vale la pena posizionare mobili più pesanti qui, come un armadio, una cassettiera, un cofano in cui possiamo mettere vestiti o persino carta. (Questi funzionano in una certa misura come fonoassorbenti.)

Trappole per bassi d'angolo nella stanza

8. Anche il posizionamento di apparecchiature audio e hi-fi, microfoni, altoparlanti e amplificatori è importante. Chiediamo il parere di esperti di audio e acustica e accettiamo i loro consigli sul corretto posizionamento dei dispositivi hi-fi. È anche una buona idea posizionare dei pannelli fonoassorbenti sulla parete dietro i gli altoparlanti per evitare i riflessi. È meglio posizionare i dispositivi hi-fi su un supporto o scaffali aperti. Posizionando una coperta piegata o un plaid dietro l’altoparlante, sarà possibile richiamare l’effetto del pannello acustico. Possiamo provare questo in diversi punti, anche se il risultato non sarà quasi lo stesso di quando si utilizza un pannello acustico, si sentiranno alcuni cambiamenti.

9. Con l’uso di materiali da costruzione moderni, anche l’attenuazione del rumore e il trattamento acustico degli edifici possono essere risolti efficacemente.

Mattone insonorizzato

Anche gli aspetti acustici dovrebbero essere prese in considerazione quando si progettano le case. La struttura dei materiali di isolamento acustico ideale è densa, flessibile o porosa. Utilizzando un mattone fonoassorbente, è possibile assorbire fino a 54 decibel di suono.

10. Non lasciare nelle stanze pareti, soffitti, pavimenti e superfici in vetro nudi ed eccessivamente grandi. Non utilizzare materiali fatti in casa, economici e scadenti per insonorizzare o migliorare la sonorità! Questi non sono affatto efficaci, nemmeno belli. Il portauovo e i pannelli di polistirolo per la loro struttura, assorbono solo i toni alti, non possono fare nulla con le frequenze più profonde.

Scritto da Róbert Polgár

edosa

Categorie: Blog