Perché usare un pannello a parete?

Il pannello a parete funge prevalentemente da fonoassorbente, ma alcuni tipi possono essere utilizzati anche come diffusori.

Pertanto, possono essere suddivisi in diverse categorie.

Il loro utilizzo dipende in gran parte dalla posizione dei pannelli e dallo spazio abitativo che vogliamo utilizzare.

Perché dobbiamo occuparci dell’acustica?

L’acustica, e le sue carenze, permeano ogni singolo giorno della nostra vita. Solo molto spesso non ne siamo consapevoli. Tuttavia, quando l’eco in una stanza è disturbante, o l’hi-fi non suona come ci si aspetterebbe, l’oca non è certamente il suono ottimale. È bene osservarlo, soprattutto perché l’inquinamento acustico può comunque causare molti disagi e problemi fisici nella nostra vita.

Si possono osservare difficoltà di concentrazione e distrazioni, ma c’è chi ha mal di testa regolari o affaticamento eccessivo e irragionevole, che nel tempo diventa sospetto e soprattutto vistoso. È sorprendente trovarsi di fronte per la prima volta che questi sintomi a volte possono essere ricondotti a una causa banale quanto l’acustica non ideale. E mentre l’hub stesso può sembrare banale, la soluzione non è facile.

Qual è l’acustica ideale con i pannelli a parete?

Da quanto sopra, può quasi sembrare che il suono ottimale sia praticamente irraggiungibile. Non è. Il suono privo di eco, pulito e dinamico si basa sull’assorbimento e la diffusione di suoni profondi. I prodotti finali del fai da te fatto in casa non sono sufficienti per questo. Inoltre, come accennato in precedenza, anche il posizionamento non è casuale.

I pannelli delle pareti, oltre ad essere realizzati con materiali misurati, certificati e di prima qualità, hanno un bell’aspetto. Quindi hanno anche una funzione decorativa. Non devono esserci ostacoli alla loro acquisizione. In termini di costo, costano significativamente meno del tempo e dell’energia consumati per fare e provare i compiti. Non è necessario sperimentarli, in modo da evitare completamente sentimenti di frustrazione, rabbia, risentimento e disperazione.

Non suona come vorrei

Per avvicinarci alla questione dell’acustica, ci viene in mente un esempio quotidiano ma molto fastidioso. Supponiamo di avere un sistema home theater di qualità con ogni accessorio e accessorio. L’acquisto è un serio investimento finanziario, anche per il modello più elementare. Ma l’operazione è fatta, finalmente tutto è a posto a casa, e il grande momento in cui l’effetto di coccolare le orecchie dovrebbe essere enorme, il big bang, il tambureggiare, è sparito. L’entusiasmo è immediatamente superato da dubbi e frustrazioni. Potrebbe sembrare che ci sia un problema con le impostazioni, quindi inizia lo scarabeo, ma non importa quanto immaginario si muovano i potenziometri qua e là, la situazione è invariata. Il suono è cattivo.

Bene, prima che il sistema home theater impari a volare involontariamente, vale la pena pensare all’acustica. A quel tempo, molte persone ottengono e usano spugne acustiche e polistirolo, ma anche così, l’esperienza sonora minimamente attesa non viene creata.

pannelli-acustici-posizionati-in-una-sala-cinema

Perché non sento ciò di cui ho bisogno?

Perché questi due materiali non sono adatti per assorbire o diffondere suoni profondi a causa della loro densità. D’altra parte, i toni alti sono attenuati, quindi possono anche sembrare buoni all’inizio, poiché i riflessi nella gamma superiore sono ridotti. Ma più tardi la gamba del cavallo sporge e si scopre che non è ancora tutto a posto. I suoni dei bassi possono essere gradualmente amplificati, i bassi possono essere distorti, può verificarsi un effetto eco e il “suono ambientale” può essere visto al di sopra di tutto. Bene, niente di tutto ciò fa parte di una corretta acustica.

Molti, di fronte al fenomeno dell’eco, acquisiscono assorbitori, cercando di rimediare al problema a casa. Ma molte volte il risultato atteso è ancora mancato. Come mai? Perché non importa la densità del materiale utilizzato e ovviamente anche il posizionamento non è casuale. Se qualche dettaglio non è corretto, non si verificherà un profondo assorbimento acustico. L’altra faccia della medaglia, se l’assorbimento acustico è troppo efficace, può produrre un suono distorto, incomprensibile che, per usare un eufemismo, non può essere definito coccola.

Questo vale solo per un sistema home theater?
acustica-ufficio-con-assorbitori-fono-300x270

No, per niente! Come accennato in precedenza, l’inquinamento acustico è una delle malattie popolari del nostro tempo. Alcune persone non si rendono nemmeno conto di quante macchine ronzano, sferragliano, squillano intorno a loro. Se prendiamo come base solo gli elettrodomestici, possiamo già vedere che siamo esposti a molti decibel di rumore al giorno. Come abbiamo suggerito, questo ha le sue conseguenze dannose. Ma non tutto deve essere così. Soprattutto perché esiste una soluzione comoda, efficiente e accattivante.

Grazie al loro design specifico, i pannelli a parete sono progettati per gestire le interruzioni acustiche in qualsiasi stanza. Sono affidabili, di alta qualità, ma ciò che è ancora più importante è che sono di design. Non basta quindi che siano imbattibili nell’assorbimento acustico, possono addirittura vestire il proprio ambiente con la loro presenza. Sono disponibili in diversi colori, quindi puoi personalizzare il tuo acquisto in base alle tue esigenze individuali. In questo modo l’armonia creata può essere avvolta. E attenzione, non solo a casa! I pannelli a parete possono anche essere di grande utilità nei luoghi di lavoro, nelle istituzioni educative e negli spazi pubblici.

Categorie: Blog