prima parte

2a parte

Impostazione degli altoparlanti

Finalmente possiamo impostare i nostri altoparlanti

Regolazione auricolare 300x260

E ora imposta i monitor in modo che siano simmetrici (Sz / 2) rispetto al centro del muro più corto (Sz). In altre parole, gli altoparlanti destro e sinistro e la distanza del muro più vicino a loro dovrebbero essere uguali (M). Misuriamo la distanza tra gli altoparlanti (A) dal centro dei tweeter. Dovrebbe essere uguale alla distanza tra il nostro altoparlante e le nostre orecchie (A). Questa è la nostra testa e i nostri altoparlanti dovrebbero formare un triangolo equilatero con tutti i lati “A”.

Ciò è inevitabile per la corretta immagine stereo. Ruota le casse degli altoparlanti di fronte a te. Se i monitor sono stati posizionati realmente in un triangolo equilatero, l’angolo tra la linea centrale dell’altoparlante e la parete opposta dovrebbe essere esattamente di 30 gradi. È possibile controllare questo angolo rispetto al mixer o al nostro tavolo poiché i lati della frequenza di estinzione a mezza lunghezza d’onda devono essere paralleli alla parete.

Dove dovremmo girare l’altoparlante?

Dove dovremmo girare l'altoparlante 300x290

L’ingegnere del suono Tony Maserati, vincitore di numerosi Grammy Award, ha dichiarato: quando siamo seduti nella posizione di monitoraggio e giriamo la testa per vedere l’altoparlante, non dovremmo vedere il lato della scatola solo la sua piastra frontale che contiene gli altoparlanti. Rivolta verso di sé i suoi monitor in modo che l’incrocio delle linee iniziato dai tweeter non sia esattamente alle sue orecchie ma qualche centimetro dietro la sua testa. Rod Gervais: Nel suo libro Home recording studio … definisce questa distanza come 16 coll che è di circa 40 centimetri. Questo ci mostra che alle persone piacciono e usano cose diverse. Tony condivide con noi un’altra informazione utile … Ha imparato che gli altoparlanti devono essere distanti l’uno dall’altro come le nostre braccia tese su entrambi i lati. In questo caso i nostri palmi saranno esattamente al centro dei tweeter. È interessante … (Tony Maserati: Tannoy).

Per evitare lo sviluppo di interferenze problematiche evitare distanze uguali tra il monitor e le diverse pareti. Queste distanze non solo dovrebbero essere diverse ma evitare i multipli delle distanze inclusa la distanza di una volta e mezza. Ad esempio, se il nostro altoparlante è a 1 metro da una parete, non dovrebbe essere a 2,3,4, ecc. O 0,5, 1,5, 4,5 metri da una parete vicina (o dal pavimento).

Usa programmi per risolvere questo problema

Ci sono programmi che possono facilitare la nostra vita e fare una parte dei calcoli invece di noi. Dopo aver inserito le dimensioni della stanza una di queste calcolatrici indica la posizione in cui vale la pena posizionare gli altoparlanti. Collegamento: http://noaudiophile.com/speakercalc/

Posizionamento e altezza dell’altoparlante monitor

Secondo lo standard ITU è 120-140 cm. Hanson Hsu, il creatore della nuovissima e rivoluzionaria acustica ZR, va oltre osservando che negli studi più famosi del mondo il centro del tweeter è esattamente a 1219 mm dal livello del pavimento.

Una specificità dell’udito umano è che le sue caratteristiche direzionali sono migliori alle frequenze più alte, cioè possiamo determinare meglio la direzione della sorgente delle frequenze più alte rispetto a quella delle basse frequenze. Nell’immagine stereo le alte frequenze forniscono la direzione del suono quindi è importante che i tweeter siano rivolti verso le nostre orecchie e dovrebbero essere alla stessa distanza.

Inclinare gli altoparlanti se necessario.

Se è necessario inclinare i monitor verso il pavimento in modo che i tweeter siano rivolti esattamente verso le nostre orecchie, questa inclinazione dovrebbe essere al massimo di 15 gradi. Ma se ci muoviamo avanti e indietro, non sentiremo le alte frequenze allo stesso modo.

Un concetto interessante è che inclinando il monitor il tweeter e il woofer raggiungono la stessa distanza dalle nostre orecchie (nel nostro esempio 105 cm). Ma le persone non lo usano in ogni studio in caso di monitor a campo vicino, quindi potrebbe non cambiare il risultato in modo significativo. Ma i monitor principali sono sviluppati inclinati in quasi tutti i casi.

Distanza dell’altoparlante dal muro

La distanza tra gli altoparlanti e le pareti della stanza ha una grande influenza sulla forza delle basse frequenze. Perché? Le caratteristiche direzionali degli altoparlanti sono molto più omnidirezionali – cioè caratteristiche della sfera, emettono in ogni direzione – rispetto alle basse frequenze che nel caso delle frequenze più alte. (Le frequenze più alte sono molto più dirette.) Questo effetto inizia davvero da 500Hz verso il basso e da 125Hz assume completamente la forma di una palla. Pertanto, il basso emette in ogni direzione, provocando un ronzio.

Direzione dei bassi mediante il corretto posizionamento dell’altoparlante

Bass-Sound-253x300

Pertanto, le onde sonore dei bassi si diffondono non solo in una direzione – in avanti – ma attraversano il retro dell’altoparlante direttamente fino alla parete di fronte a noi (verso la parte posteriore dell’altoparlante) e rimbalzano da lì. Quando queste onde incontrano le onde che escono dall’altoparlante si forma un’interferenza acustica.

Se l’altoparlante si trova a una distanza pari al quarto della lunghezza d’onda dal muro dietro di esso, le due onde si annulleranno a vicenda a causa dell’interferenza. La cancellazione avviene sempre in corrispondenza dell’altoparlante posto a una distanza pari a 1/4 della lunghezza d’onda, indipendentemente dalla fase in cui si trova l’onda sonora.

Perché?

Perché il modo di ritorno della sorgente sonora a 1/4 della lunghezza d’onda alla sorgente è 2×1 / 4, cioè 1/2 … il che significa che l’onda emessa e riflessa è sempre in una fase diversa di 180 gradi. Essendo uguali ma di ampiezza opposta quindi, si annullano completamente a vicenda. Questo è ciò che chiamiamo effetto limite. Questo fenomeno provoca grossi tagli nella gamma di frequenze e influenza la riproduzione dei bassi molto più delle onde stazionarie. Sfortunatamente, possiamo correggere questo errore solo con il corretto posizionamento del monitor e lo smorzamento acustico. Se abbiamo altoparlanti non integrati nel muro l’effetto di delimitazione sarà sempre presente.

Possiamo ridurre in modo significativo l’effetto limite con i pannelli acustici.
Possiamo visualizzarlo nella seguente tabella Excel: Calcolatrice SBIR.

Il primo picco di cancellazione è solitamente largo 2/3 di ottava.

Possiamo posizionare un altoparlante monitor in due modi per diminuire la cancellazione:

Klang

1. Posizionare i monitor il più vicino possibile al muro davanti a sé (dietro i monitor).
Più si avvicina la cassa dell’altoparlante al muro, più alte saranno l’effetto di cancellazione. Questa è una buona notizia perché le frequenze più alte sono molto più dirette e possiamo smorzarle molto più efficacemente, ad es. con assorbitore acustico. Per ridurre al minimo l’effetto SBIR dovremmo provare prima la distanza tra 0-20 cm. È importante controllare la distanza minima dal muro nelle istruzioni per il monitor perché in alcuni modelli (piuttosto più piccoli) questo effetto è incluso nel suono dell’altoparlante e se non si posiziona la scatola secondo le istruzioni non lo farai ottenere la qualità del suono prevista.

Piccolo smorzamento acustico

dontes-162x300

In caso di distanze molto ridotte un pannello acustico di 10 cm dietro gli altoparlanti può smorzare adeguatamente l’effetto di cancellazione. I bass trap a banda larga sono ancora migliori. Ovviamente dipende anche dalla stanza. Maggiore è la distanza dal muro, meno efficace è l’attenuazione acustica.

Attenzione!

Se si utilizzano diffusori monitor molto piccoli, non posizionarli vicino al muro! Questi piccoli monitor emettono in ogni direzione anche nella gamma delle frequenze medio-basse e posizionandoli vicino al muro l’effetto di cancellazione è più forte nella gamma delle frequenze medio-basse che produce una colorazione del tono udibile. I monitor che hanno il foro per bass reflex sul retro della scatola non possono essere posizionati più vicino alla parete di quanto consentito nelle istruzioni.

Un rapido consiglio per il posizionamento dell’altoparlante:

Non è necessario alimentare troppo gli altoparlanti posizionati vicino al muro ottenendo così un volume più alto e una distorsione inferiore. Ma sfortunatamente, a causa dell’effetto quasi registrato, ci sarà un picco dei bassi (lo stesso quando mettiamo il microfono troppo vicino alla sorgente sonora) ma possiamo facilmente gestirlo con un EQ o pannelli acustici. Ancora meglio se abbiamo un software di calibrazione che fa le impostazioni EQ, ad es. IK Multimedia ARC2 o ROOM EQ WIZARD (REW).

2. Posizionare gli altoparlanti a una distanza dalla parete tale da ridurre l’interferenza.

Estinzione-300x165

Più aumentiamo la distanza tra il muro e l’altoparlante, minore sarà il valore della frequenza spenta. Se scegliamo questa distanza teorica in modo che la frequenza spenta sia inferiore a quella che il nostro altoparlante è in grado di emettere, non sentiremo l’effetto limite. Questa è una buona scelta solo se abbiamo una stanza abbastanza grande.

Possiamo calcolare la frequenza media annullata con la seguente formula:

Fc = c / 4 x D
Fc -> le frequenze medie spente

c -> velocità del suono (343 m / s)

D -> la distanza in metri tra la membrana dell’altoparlante e il muro dietro di esso (non la distanza tra la cassa dell’altoparlante e il muro !!! Vedi l’immagine)

In generale, nel caso di un monitor a due vie (questo è ciò che la gente chiama casse acustiche contenenti 2 altoparlanti) devi stare molto attento nell’intervallo tra 40-80 Hz e fare del tuo meglio in caso di frequenze tra 80-200 Hz.

Pertanto, nel caso di un tipico monitor da studio, le distanze consigliate dagli altoparlanti a parete

Buono: integrato nel muro o il più vicino possibile al muro
  • Accettabile: 0,1-1 m
  • sconsigliato 1-2,2 m
  • Buono: oltre 2,2 m

Naturalmente, possiamo calcolare la distanza ottimale tra i diffusori dalla parete se conosciamo la frequenza del nostro altoparlante dove i bassi iniziano a spegnersi con 3dB. Questa è ciò che chiamiamo la frequenza di taglio delle basse dell’altoparlante.

Dmin = (1,4×343) / 4 x F-3dB
Dmin -> distanza minima tra l’altoparlante e il muro retrostante in metri

(1,4×343) -> costante = 480,2

F-3dB -> la frequenza in cui si trova il punto di taglio dei bassi dell’altoparlante, ovvero dove il diagramma della pressione sonora scende 3dB.

Esempio:
Il punto di interruzione dei bassi di un altoparlante è di 55 Hz. Quanto deve essere posizionato dal muro?
1 ° gradino: 4 x 55 = 220
2 ° passo: 480,2 diviso 220 = 2,181818. Dovrebbe essere posizionato a 2,18 m dal muro in modo che l’effetto confine arrivi a una frequenza così bassa da non sentire più l’estinzione.

Nel caso di diffusori di grandi dimensioni che sono in grado di emettere frequenze molto basse questo metodo porta a distanze molto grandi quindi non può essere realmente utilizzato negli home studio. L’altro problema è che in caso di lunghe distanze le pareti laterali e anche le distanze pavimento-soffitto saranno incluse nella formula. In questo caso la scelta migliore è un monitor integrato nel muro come possiamo vedere nei grandi studi.

Taglio dei bassi e distanza di monitoraggio dalla parete posteriore

Nelle stanze piccole il problema più grande sono i bassi riflessi dalla parete posteriore. Queste onde sonore a bassa frequenza provocano picchi a frequenze di 1/2, 1, 3/2, ecc. Che di solito sono inferiori a 6 dB e provocano echi tremolanti. Il problema molto più grande è che le lunghezze d’onda di 1/4, 3/4, 5/4 causano tagli, non sentiamo queste frequenze.

In stanze piccole di solito influisce sulla gamma inferiore a 300Hz che può essere più silenziosa anche di 30dB. In un caso ideale, la nostra posizione di monitoraggio è ad almeno 3 metri dalla parete posteriore, il che sposta l’effetto di estinzione di un quarto di lunghezza d’onda nelle frequenze inferiori a 30Hz. Se non hai una stanza così grande per lo studio, dovresti sicuramente posizionare dei pannelli fonoassorbenti sulla parete posteriore per smorzare le onde sonore a bassa frequenza. Questo è consigliato anche in una stanza abbastanza grande.

Effetti di cancellazione causati dalle onde riflesse da altre pareti.

L’effetto limite è causato non solo in caso di suoni riflessi dalla parete frontale. Il pavimento, il soffitto, le pareti laterali e anche la parete posteriore hanno tutti questo effetto. Pertanto, si consiglia di fornire un trattamento acustico per l’intera stanza. Quindi, abbiamo bisogno di una formula più generale per calcolare la frequenza di estinzione.

Frequenza di estinzione a mezza lunghezza d’onda:

Fc = c / 4 x D
Fc = c / 2 x (D riflesso – D diretto)
Fc -> le frequenze medie spente

c -> velocità del suono (343 m / s)

D reflex -> la distanza che il suono copre tra l’altoparlante e le nostre orecchie riflesse dalle pareti

D diretto -> la distanza che il suono copre dall’altoparlante alle nostre orecchie muovendosi in linea retta.

È possibile utilizzare la stessa formula per calcolare le frequenze medie che vengono riflesse dal tavolo da studio o dal mixer. Si può vedere nell’immagine che i suoni vengono riflessi anche dalle superfici davanti al monitor, e su certe frequenze provocano rinforzi ed estinzioni su altre frequenze allo stesso modo di quelli riflessi dal muro. (Ad esempio, questo è il motivo per cui non è consigliabile posizionare i monitor di campo vicino sul ponte del mixer.) Il volume di queste onde sonore riflesse non è tanto quanto di quelle riflesse dalla parete frontale, quindi possono fare molto meno guaio. Puoi testare questo fenomeno se metti un cuscino o una coperta piegata sul tavolo o sul mixer davanti agli altoparlanti.

Bureau-300x239

Come puoi vedere nell’immagine questo problema aumenta se il nostro monitor è vicino alla superficie riflettente, ad es. lo metti direttamente sul tavolo. Se puoi posizionare i monitor solo su un tavolo per qualsiasi motivo, alzali sempre al di sopra del livello del tavolo! Usando i supporti da tavolo non solo puoi alzare il tweeter dei tuoi monitor all’altezza delle tue orecchie, ma puoi anche sentire un suono molto più “chiaro” come risultato dell’isolamento dal tavolo.

mopad1

Alza i monitor sempre con una cosa dura e stabile. E mettere uno smorzatore di vibrazioni (schiuma a celle aperte, Auralex Mopad, ecc.) O colla Blue-tec tra il supporto e il monitor.

Filtraggio a pettine

Le superfici riflettenti vicino al monitor provocano un effetto filtro a pettine. Questo produce un suono tubolare simile a un effetto phaser o flanger. Pertanto, non posizionare mai alcuna superficie riflettente come un muro, un rack, un altro altoparlante, un armadio, ecc. Vicino all’altoparlante. Assicurarsi inoltre che i monitor del computer siano sempre dietro il livello degli altoparlanti e il più lontano possibile dal livello anteriore della cassa dell’altoparlante. Da queste possono venire delle riflessioni, quindi vale la pena inclinarle. Puoi provarlo mentre ascolti la musica …

continua…

 

Categorie: Blog

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *