flag flag flag flag flag flag flag flag flag flag flag

Vivere in uno stabile prefabbricato è un’opzione comoda per certi versi, ma ha anche i suoi lati negativi. Ad esempio, se il vicino è troppo rumoroso e devi sopportare continui martellamenti, bombiti. Capita anche che ci sono bambini in famiglia a cui non è sempre possibile ordinare di giocare in modo più tranquillo. Qual’è la soluzione?

Migliorare l’isolamento acustico all’interno e all’esterno dell’edificio

rumoroso-vicino-2-300x183

Invece di deteriorare costantemente la nostra popolarità nella comunità residenziale con continui litigi, diamo un’occhiata alle opzioni a nostra disposizione in termini di isolamento acustico. Molti potrebbero ora alzare le sopracciglia dicendo che l’isolamento della casa è perfetto. Se questo è pensato per l’isolamento termico, non sorprenderti se il rumore del tosaerba di un vicino rompe l’intimità del pranzo della domenica. L’isolamento termico, per quanto buono, non è equivalente all’isolamento acustico e viceversa.

Se una casa deve essere ristrutturata, possiamo iniziare l’isolamento acustico proprio dalla base, ad esempio sostituendo le porte e le finestre e utilizzando il materiale isolante fonoassorbente per rinnovare le pareti. Naturalmente, questa è una soluzione piuttosto costosa e laboriosa, poiché per il successivo isolamento acustico delle pareti viene spesso utilizzato un pre-muro, il che è efficace ma piuttosto ingombrante. Oggigiorno già ci sono materiali molto più moderni per l’isolamento acustico, che fungono anche da elemento decorativo nella stanza.

Se l’isolamento acustico esistente non è più sufficiente

Abbiamo una vasta gamma di soluzioni per l’isolamento acustico in casa. Possiamo provare una moltitudine di diverse pratiche fatte in casa e soluzioni di qualità fino a raggiungere l’effetto desiderato. Forse tutti hanno già sentito dell’isolamento domestico usando il portauovo. L’unico vantaggio di questo è che è economico ma meno efficiente in cambio, per non parlare di sfigurare l’intero interno.

Soluzioni ponderate e di qualità

La lana di roccia può essere utilizzata per insonorizzare le pareti, in quanto possiede proprietà estremamente vantaggiose. Non è un caso che questo materiale sia preferito anche per l’isolamento acustico negli studi professionali. Respinge l’acqua, quindi è ideale per uso interno oltre che un ottimo insonorizzante.

facciata coibentata

Se volessimo tenere fuori il rumore della strada, dovremmo isolare le pareti esterne dell’edificio, se è possibile. Ma se vogliamo proteggerci dagli effetti sonori dell’altro appartamento all’interno dell’edificio, dobbiamo concentrarci sull’isolamento del pavimento o del soffitto. Se si desidera bloccare solo una stanza all’interno dell’appartamento dagli effetti del suono, è possibile ottenere principalmente isolando le pareti divisorie.

L’isolamento del soffitto però è già una cosa molto più complessa, perciò vale la pena chiamare uno specialista. Ma questo è necessario solo se il rumore proviene da sopra. In questo caso bisogna installare un sistema di isolamento acustico di almeno 13-15 cm di spessore.

Riduzione del rumore con materassino insonorizzante

tappetino-insonorizzante-169x300

Non solo il rumore proveniente dall’esterno può essere fastidioso, ma anche l’eco può essere un problema all’interno. In questo caso non sull’isolamento acustico bisogna mettere l’attenzione, ma sull’assorbimento acustico. Siamo circondati nell’intero appartamento da superfici che ribalzano i suoni concentratamente in una direzione. Il pavimento, il parquet, ma anche il linoleum giocano un ruolo fondamentale nel generare l’eco. Questo può peggiorare il comfort della nostra casa anche a breve termine. Non è un caso che anche le catene di grandi magazzini stiano cercando di utilizzare quanto più materiale possibile per ridurre il rumore durante la progettazione dei loro negozi. È stato osservato che è molto più probabile che gli acquirenti spendano in un ambiente più tranquillo e più calmo che in un luogo rumoroso simile a un mercato.

Uno dei vantaggi maggiori di un tappeto insonorizzante è che può essere posizionato ovunque su qualsiasi pavimento o addirittura appeso a una parete. Grazie al suo design, isola perfettamente i suoni provenienti dall’ambiente. Ma perché un tappeto di qualsiasi tipo non può fare lo stesso? In effetti, tutti i tappeti possono assorbire qualche suono, ma il materiale e la trama di un tappeto acustico sono più spessi, ha più strati. Questi sono gli elementi fonoisolanti che non sono solo pratici ma adatti anche per scopi decorativi, poiché possiamo scegliere tra un’ampia varietà di colori e fantasie.

L’efficienza del tappeto acustico può essere ulteriormente potenziata dai fonoassorbenti posizionabili sotto di essi. Un feltro antiscivolo che può essere posizionato sotto il tappeto, si rivela un’ottima soluzione in questo senso.

E se il tappeto non basta ancora?

Non dobbiamo scoraggiarci, perché possiamo migliorare ulteriormente la capacità fonoassorbente degli interni con tende acustice e tendine per porte. Come i tappeti, sono realizzati in materiale più spesso e sono anche elementi decorativi estetici.

Anche una libreria ben confezionata, ricca di libri, blocca e assorbe i suoni.

Può essere sorprendente, ma possiamo anche utilizzare un muro fotografico per proteggerci dai rumori indesiderati. È estetico e possiamo coprire pareti nude per creare un ambiente familiare e più tranquillo.

Mettiamo dell’isolamento anche sotto le porte interne, perché attraverso di esse molto rumore può filtrarsi nella stanza. Per questo possiamo usare degli paraspifferi fatta in casa o di fabbrica.

Circostanze diverse richiedono implementazioni diverse. Utilizzando le soluzioni di isolamento acustico e fonoassorbente elencate, con cui è possibile ottenere risultati significativi creando un ambiente più silenzioso nella nostra casa.

edosa

Categorie: Blog