flag flag flag flag flag flag flag flag flag flag flag

Che tipo di ricevitore home theater scegliere? Parte 1

Sala-cinema

Ci sono alcune cose da considerare quando si sceglie un ricevitore home theater:

-L’aspetto più importante da considerare è se si vuole collegare l’amplificatore ad altoparlanti stereo o ad un televisore? Se verrà utilizzatoprincipalmente per ascoltare musica, si avrà bisogno di un ricevitore stereo. Se si desidera un suono surround mentre si guarda un film, allora selezionare un ricevitore AV. Se verrà usato sia per ascoltare musica che per guardare film, conviene prendere un ricevitore AV.

-Sono necessari canali sufficienti se si desidera un suono surround reale. Un canale = un altoparlante. Assicurarsi che il nuovo ricevitore abbia abbastanza canali per tutti gli altoparlanti e per quelli che si riceveranno in futuro. Se si desidera un suono surround, si avrà bisogno di almeno cinque canali.

-Considerare per che cosa lo userai e a quale sorgente si vuole connettere il dispositivo. Ad esempio, se si vuole usarlo anche per ascoltare un disco in vinile, si avrà bisogno di un ingresso phono separato. Se si vuole anche riprodurre musica wireless, si ha bisogno del Wi-Fi (più Bluetooth, Airplay, ecc., In modo da poter riprodurre musica dal proprio smartphone e tablet) per connettere nuovi moduli o dispositivi che acquisti in seguito, in modo da ottenere più connettività il più nuovo è meglio è.

– Anche la risoluzione video moderna è vantaggiosa. La risoluzione delle immagini 4K è un must assoluto, anche se non si ha già una TV 4K. Assicurarsi di poterlo collegare a qualsiasi sorgente video, come un lettore DVD o Apple TV.

-Seleziona un ricevitore AV con Dolby Atmos e DTS: X funzioni per il suono surround 3D. La buona notizia è che i nuovi ricevitori AV possono riprodurre entrambi i formati.

-Trovare un ricevitore in grado di riprodurre tutti e 3 i formati HDR. Verificare inoltre che il ricevitore selezionato abbia la capacità di gestire i formati HDR10, DV (Dolby Vision) e HLG.

– I ricevitori AV multi-room possono riprodurre fino a due programmi diversi in due stanze diverse su due televisori diversi, quindi considerare la funzione multi-room.

Ricevitore AV e ricevitore stereo: qual è la differenza?

Possono essere simili, tuttavia sono due strumenti molto diversi.

Cos’è un ricevitore AV?

ricevitore home-cinema-AV

Il ricevitore AV (audio/video o home cinema) è responsabile della ricezione, dell’interpretazione e dell’elaborazione dei segnali audio in ingresso prima di inviarli alla loro destinazione finale: il televisore e gli altoparlanti. Il ricevitore AV include almeno cinque amplificatori per pilotare almeno cinque altoparlanti. Perché ti serve così tanto? Un sistema home theater medio ha 5 altoparlanti che lavorano insieme per creare un suono surround, e ogni altoparlante richiede un segnale audio separato dal ricevitore AV.

Oggi, molti home theater hanno già più di 5 altoparlanti, compresi quelli compatibili con Dolby Atmos. In effetti, per ottenere il miglior effetto possibile, la maggior parte dei sistemi home theater oggi ha una dozzina o più altoparlanti, molti dei quali sono nascosti e/o integrati nelle pareti o nei soffitti.

Cos’è un ricevitore stereo?

Ricevitore stereo Marantz-NR1200

Il ricevitore stereo contiene due amplificatori (uno per canale) e viene utilizzato principalmente per l’ascolto di musica. I due amplificatori del ricevitore stereo alimentano i due altoparlanti stereo e, sebbene sia possibile collegarlo al televisore, non si ottiene il suono surround con il ricevitore stereo. (Si potrebbero incontrare anche amplificatori integrati durante la ricerca, che in realtà è lo stesso del ricevitore stereo ad eccezione del sintonizzatore AM/FM.)

Quando si dovrebbe usare un ricevitore AV?

Eccellenti sintoamplificatori AV per home theater con elaborazione delle immagini 4K e Dolby Atmos sono ora disponibili a prezzi convenienti. Se ci si concentra  sull’ascolto di musica su film con audio surround, acquistare invece un ricevitore stereo a due canali. (Tuttavia, quest’ultimo non emetterà un suono surround).

Quindi il punto è: i sintoamplificatori AV sono progettati e costruiti principalmente per TV, home theater, film per portare nelle case un’autentica esperienza simile al cinema. E poiché i ricevitori AV possono fare molto di più dei ricevitori stereo, si può utilizzare il ricevitore AV sia per guardare film che per ascoltare musica. Inoltre, la combinazione di un ricevitore stereo e una TV da sola non fornisce il suono surround.

Come scegliere il miglior ricevitore AV?

Lo scopo principale dei sintoamplificatori AV è quello di fornire uno straordinario sistema home theater con audio surround. Al momento dell’acquisto, bisogna tenere conto delle caratteristiche della propria stanza, dello stile, delle possibilità finanziarie dei propri gusti.

Entrate uscite

Non esistono troppi input o output. Questo è perché se in futuro si intendono collegare nuovi dispositivi, nuovi moduli all’amplificatore, saranno necessarie ulteriori connessioni. Sono necessari almeno 4 ingressi HDMI per collegare un decoder via cavo, un lettore Blu-ray, una PlayStation e almeno un altro ingresso per un’ulteriore espansione. (Ad esempio, se si aggiunge un’Apple TV, si sta già utilizzando tutti e 4 gli ingressi.) Se si prevedono di collegare un giradischi, assicurarsi di avere un ingresso Phono sull’amplificatore. Inoltre, assicurarsi che i nuovi prodotti che si acquistano siano compatibili con tutto ciò che si ha già a casa.

4K

Check-tive-image

Il 4K è il formato video con la migliore risoluzione più alta possibile per gli home theater. Con il 4K, l’immagine è così dettagliata da fornire una visione chiara e precisa anche se vista da vicino.

Un’altra caratteristica da tenere presente è il supporto HDCP 2.2. HDCP 2.2 è l’ultima tecnologia di protezione dalla copia progettata per impedire la copia illegale di contenuti video, in particolare contenuti 4K. Questo è importante, perché quando si tenta di guardare un film protetto da copia HDCP 2.2 e il lettore Blu-ray 4K e / o il ricevitore AV non è autorizzato a supportare il contenuto HDCP 2.2, lo schermo si oscura. Fortunatamente, tutti i televisori e i ricevitori 4K hanno almeno un ingresso HDCP2.2.

Wi-Fi incorporato

Idealmente, tutti possono (fisicamente) collegare la propria TV alla propria rete domestica, ma ciò non è sempre possibile, soprattutto se non è possibile far passare i cavi attraverso i muri. È qui che entra in gioco la connessione Wi-Fi, che consente tutte le funzionalità intelligenti utilizzate dai nuovi televisori per lo streaming di film, guardare YouTube e lavorare in modalità wireless sulla rete, ecc. Per lo stesso motivo, anche il Wi-Fi integrato nei sistemi audio è utile, quindi si può riprodurre musica in streaming, ad esempio, senza dover collegare fisicamente i dispositivi.

DTS: formati X e HDR

DTS: X è un nuovo formato audio surround progettato per rendere il suono del tuo home theater il più coinvolgente possibile, simile a Dolby Atmos.

Immagine HDR-TV

HDR sta per “High Dynamic Range”. Ecco perché gli ultimi televisori di oggi nel campo dell’immagine sono così spettacolari. L’HDR della TV genera più contrasto all’interno dei pixel esistenti, espandendo il contrasto e il colore in modo che il risultato finale sia più preciso e più profondo. Esistono tre versioni di HDR: HDR10 e DV (Dolby Vision) e HLG. Sebbene HDR10 sia attualmente il formato più comune (a causa di iTunes, Netflix e VUDU, tra gli altri), molti considerano Dolby Vision un formato di qualità dell’immagine migliore. È difficile dire quale sia il formato HDR migliore.

Numero di canali

Pensare ai canali come a degli altoparlanti. E mentre la maggior parte dei formati musicali richiede solo due canali (sinistro e destro), il vero suono surround home theater richiede il maggior numero di canali possibile. In poche parole: più canali si hanno, più altoparlanti si possono aggiungere e più altoparlanti si aggiungono, migliore e più sorprendente sarà il suono. Sono necessari almeno 5 canali per ricevere il suono surround. Tuttavia, è consigliato configurare un sistema con almeno 7 canali.

Klipsch-home-cinema-2.1

-2.1 canali: aggiungere un subwoofer a bassi efficaci e ora hai 2.1. “2” si riferisce ai primi due altoparlanti e subwoofer si riferisce a “.1”.

-3.1 canali: aggiungere un altoparlante centrale in modo che il dialogo provenga sempre dal centro dello schermo (particolarmente importante se ci si siede un po‘ di lato).

-5.1: Questo significa già suono home theater. Posizionare altri due altoparlanti nella parte posteriore della stanza, affinché il suono surround raggiunga 5.1. Se si aggiunge anche un subwoofer, si ha già un sistema “5.2”.

Klipsch-home-cinema-7.1

-7.1 canale: nelle stanze più grandi, specialmente dove il divano o le poltrone sono più lontani dalla parete posteriore, potrebbero essere necessari altoparlanti surround posteriori per implementare il suono 7.1.

-9.1 canali o più: in questo caso, si può parlare del vero suono 3D. In sintesi, un sistema 9.2.1 ha tre altoparlanti nella parte anteriore, due a destra e a sinistra, due in fondo alla stanza e una coppia sul soffitto. Più due subwoofer, che sono tipicamente posizionati all’indietro, tuttavia possono essere posizionati ovunque. (Si avrà bisogno di un ricevitore a 9 o più canali per far funzionare questo sistema.)

Scritto da Róbert Polgár

La parte 2 dell’articolo sarà presto disponibile!