Test del ricevitore per home cinema Sony STR-DN1080

Il ricevitore Sony STR-DN1080 ha un suono fantastico, percussioni e prestazioni dinamiche. Abbiamo sperimentato dettagli incredibili, naturalezza, effetto spaziale.

Design

L’STR-DN1080 è stato dotato di un alloggiamento nero piuttosto grosso e ben costruito. Il pannello frontale presenta una manciata di tasti di scelta rapida, un volume senza interruzioni e un quadrante di input e un display semplificato che puoi leggere a colpo d’occhio. Questo è un ricevitore facile da usare. Una delle principali differenze nell’aspetto rispetto al modello precedente è la dimensione, che non noteremmo nemmeno se non accostassimo il ricevitore al suo predecessore. Il 1080 è leggermente più piccolo del 1070.

Mentre i ricevitori di Sony hanno avuto un aspetto simile a un bulldog negli ultimi dieci anni, i modelli più recenti sono un po’ meno sorprendenti. Il design dell’STR-DN1080 è piuttosto solido e a blocchi.

Anche l’utilizzo del telecomando in plastica leggera non è un problema, grazie ai pulsanti posizionati in modo logico. Sfortunatamente, il telecomando non ha una retroilluminazione, il che è uno svantaggio abbastanza grande per un amplificatore home theater. Sony ha utilizzato componenti di alta qualità e tecnologie avanzate nella produzione del ricevitore. Un trasformatore di rete ad alta capacità e un cablaggio interno rivestito sotto vuoto assicurano bassi potenti.

Altre caratteristiche di Sony STR-DN 1080

Prova di Sony-STR-DN1080

Ha una potenza di 165 W, pesa 9,7 kg e misura 430 x 156 x 331 mm.

Non solo è in grado di riprodurre i suoni Dolby Atmos fino a una configurazione di altoparlanti 5.1.2, ma supporta anche il nuovo formato DTS:X. HDMI 2.1 non è supportato, ma tutti e sei gli ingressi HDMI sul pannello posteriore sono compatibili con HDCP 2.2 e supportano la riproduzione completa di contenuti 4K HDR. Vale la pena notare che l’ingresso “1 video” è l’unico che non supporta le specifiche di sottocampionamento 4: 4: 4 – tutti gli altri ingressi HDMI lo fanno. Ci sono anche due uscite HDMI, una manciata di ingressi standard, un singolo ingresso ottico e coassiale e una porta USB per caricare il tuo smartphone.

STR-DN1080-interno

Il ricevitore può riprodurre file fino a 24 bit/192 kHz in tutti i formati più diffusi e può anche riprodurre file dual DSD nativi tramite HDMI e USB. Infatti, due degli ingressi HDMI (BD/DVD e CD/SACD) sono ottimizzati per la migliore qualità del suono.

“Phantom Surround Back” consente di simulare la configurazione di sette altoparlanti con solo cinque altoparlanti. Con il diffusore S-Force PRO Front Surround 2, puoi creare un campo sonoro surround virtuale, rendendolo una scelta eccellente anche per le stanze più piccole. DSD utilizza la modulazione della densità di impulsi come metodo di codifica per l’archiviazione audio, che consente un suono analogico naturale, oltre al quale un’ampia gamma dinamica e una trasmissione di frequenza superiore a 100 kHz sono un grande vantaggio. L’STR-DN1070 supporta la riproduzione nativa DSD (Direct Stream Digital).

Sono disponibili anche i servizi di streaming più popolari: Bluetooth, AirPlay, Chromecast e Spotify Connect sono tutti integrati nell’STR-DN1080. La classificazione DLNA dell’amplificatore significa che puoi riprodurre file musicali ad alta risoluzione da qualsiasi dispositivo NAS o laptop sulla stessa rete. E non dimentichiamo nemmeno il sistema multi-room: puoi collegare l’amplificatore ad altri prodotti Sony compatibili utilizzando l’app Music Center (ex SongPal).

Puoi anche controllarlo con la tua voce tramite Google Home Smart Speaker. Puoi utilizzare Google Home per impostare il ricevitore come lettore musicale predefinito.

Il sistema di calibrazione Sony STR-DN1080 DCAC EX utilizza un microfono stereo in plastica dall’aspetto piuttosto insolito. La maggior parte dei sistemi di sintonizzazione automatica dei ricevitori utilizza un microfono mono, quindi speravamo che i risultati di configurazione dell’STR-DN1080 fossero migliori della media.

Come parte della regolazione automatica dell’STR-DN1080, è possibile scegliere tra quattro tipi di calibrazione.

Test

Il solo sistema di correzione ambientale non è ancora in grado di ottenere un suono perfetto. La regolazione manuale completa di solito richiede meno tempo per utilizzare il sistema di calibrazione rispetto a quello necessario per correggere gli errori di regolazione automatica. È molto importante trattare le pareti, le finestre e le superfici del pavimento del tuo home theater o della stanza della musica con pannelli acustici. Il luogo di prova era una sala cinema con un’acustica corretta, dove sono stati posizionati pannelli e diffusori fonoassorbenti a doppia membrana di pelle sulle pareti e sono state posizionate tende acustiche davanti alle finestre. Sul pavimento è stato steso uno spesso tappeto acustico che affondava.

Abbiamo anche provato il ricevitore mentre ascoltavamo musica e guardavamo film e non ci ha deluso. Abbiamo abbinato Dali Oberon a 5 altoparlanti. Abbiamo ottenuto un suono dettagliato, spazioso e dinamico. Questo ricevitore ha vinto premi per tre anni consecutivi, il che rivela molto. Il Sony STR-DN1080 offre tutte le funzionalità di cui potrebbe aver bisogno un ricevitore moderno: musica multi-room, streaming Chromecast, AirPlay, Dolby Atmos e numerosi ingressi compatibili con 4K. La qualità del suono è eccellente, soprattutto per i film. L’interfaccia utente è facile da seguire ed è abbinata a un telecomando amichevole. Quando abbiamo provato il modello precedente di Sony, l’STR-DN1070, il suono era simile, anche se abbiamo ritenuto che l’STR-DN1080 suonasse un po’ più chiaro e l’STR-DN1070 più esteso.

Conclusione

Questo sintoamplificatore AV offre una qualità estremamente buona ad un prezzo molto conveniente. Mi è piaciuto molto il suono, soprattutto dopo che abbiamo annullato l’impostazione automatica e l’abbiamo regolata manualmente in base alle nostre esigenze. Sony offre eccellenti prestazioni home theater e musicali e tutte le funzionalità di cui hai bisogno. Durante la visione del film, abbiamo sentito che alcune parti erano piatte, ma era già una spaccatura. Il telecomando poteva avere una retroilluminazione e avremmo sopportato suoni ancora più estesi.

Scritto da Róbert Polgár