Abbiamo testato il sintoamplificatore AV a 5 canali Sony STR-DH590!

Abbiamo testato l’ultimo sintoamplificatore AV entry-level di Sony, l’STR-DH590. Con questo ricevitore, Sony ha fatto un buon lavoro offrendo un ottimo dispositivo con le funzionalità necessarie a un prezzo accessibile.

Ricevitore AV Sony-STR-DH590

L’STR-DH590 è un ricevitore a 5.1 canali (ha due uscite subwoofer ma le gestisce in modo indipendente), con decodifica Dolby TrueHD e DTS-HD Master Audio e decodifica DSD integrata. Il produttore promette 145 watt di potenza a 6 ohm, 1 kHz, 0,9% THD, pilotando un canale.

Il DH590 è in grado di elaborare completamente il segnale 4K / 60p 4: 4: 4 con supporto per 3D, HDR10, HLG e Dolby Vision.

Sony ha abbandonato le funzionalità di rete integrate in molti ricevitori AV più costosi di questo modello e offre quindi il dispositivo a un prezzo molto migliore. Quindi non aspettarti funzionalità extra come AirPlay, Chromecast e DTS Play-Fi o funzionalità come Spotify, Pandora, TIDAL e TuneIn. Ha solo una connessione Bluetooth 4.2.

Non sorprende che, per essere un modello entry-level, l’STR-DH590 abbia un design più sottile di un sintoamplificatore AV medio: più piccolo e leggero, ad esempio, dell’Onkyo TX-RZ900.

Il pannello frontale è disponibile in un design semplice ma elegante, in nero spazzolato, con due pulsanti per ingresso e volume, un’uscita per le cuffie e una lunga fila di pulsanti neri per varie attività (accensione/spegnimento altoparlanti, sintonizzazione FM, selezione della modalità audio , Bluetooth, modalità Pure Direct, ecc.), dispone di un display LCD di medie dimensioni.

Il pannello posteriore ha una modesta quantità di ingressi, quattro ingressi HDMI 2.0a con HDCP 2.2 e una singola uscita HDMI 2.0a con Audio Return Channel.

Gli ingressi HDMI 1 e 2 sono etichettati Media Box e BD/DVD, che indicano accuratamente i tipi di sorgente. Abbiamo abbinato il ricevitore a un lettore Blu-ray Sony UBP-X800M2 e abbiamo anche riprodotto contenuti musicali da un computer e iPhone 8 tramite Bluetooth. È stato facile accoppiare i dispositivi Bluetooth con il ricevitore (c’è un pulsante di associazione sul telecomando) e la connessione è rimasta stabile dopo l’accoppiamento.

Il pannello posteriore ha anche un ingresso audio digitale coassiale e ottico, oltre a quattro ingressi audio stereo, due uscite subwoofer e un ingresso per antenna FM. È disponibile una singola porta USB di tipo A per alimentare il dispositivo mobile connesso, ma non supporta la riproduzione multimediale.

Lato posteriore del sintoamplificatore AV Sony

Gli altoparlanti possono essere collegati con una coppia di montanti di montaggio a cinque vie per i canali principali sinistro/destro, ma sono disponibili solo piccole clip a molla per gli altri tre canali. Abbiamo testato il sintoamplificatore AV con una coppia di altoparlanti fissi Dynaudio Confidence 60.

Il processo di installazione del DH590 è estremamente semplice. Dopo aver collegato gli altoparlanti, le sorgenti e il display, selezionando la lingua desiderata sul ricevitore, il menu su schermo ti fornirà istruzioni precise su come collegare il cavo del microfono in dotazione per eseguire la configurazione automatica Sony DCAC.

telecomando dh590

Il ricevitore è dotato di un piccolo telecomando, più o meno delle dimensioni di quello che Sony di solito viene fornito con i lettori Blu-ray. Non c’è retroilluminazione, ma ha un layout logico e trasparente: i pulsanti sorgente sono raggruppati sopra (incluso il pulsante sorgente Bluetooth dedicato), le modalità audio sono appena sotto, i pulsanti di navigazione/display e il volume e i controlli (altro decoder). e sotto.

Quando si accede al menu principale, viene visualizzato un OSD in bianco e nero con cinque opzioni: Guarda (per selezionare la sorgente HDMI), Ascolta (per selezionare la sorgente audio), Easy Setup (per eseguire nuovamente la configurazione iniziale), Sound Effects (per selezionare la modalità di ascolto), quindi Impostazioni altoparlanti .

Il telecomando ha anche un pulsante Opzioni che aggiunge alcune funzionalità extra alla barra degli strumenti: accensione/spegnimento Pure Direct, selezione del campo sonoro, modalità notturna on/off, Dual Mono e AV Sync. È possibile regolare le dimensioni/il livello dell’altoparlante, gli ingressi HDMI, selezionare gli ingressi audio digitali, i bassi e gli alti, eseguire la sincronizzazione AV e le impostazioni HDMI come ARC. Per impostazione predefinita, tutti e quattro gli ingressi HDMI sono impostati su Standard, ma per inviare l’intero segnale 4K/60p 4: 4:4 HDR, BD/DVD e Media Box devono essere impostati su Enhanced.

Prestazioni della Sony STR-DH590

Per la musica, il DH590 offre modalità audio stereo e multicanale a 2 canali dirette, nonché modalità DPL II Music, Enhancer (per migliorare i file di qualità inferiore) e modalità come Hall, Jazz e altro. Il test è stato eseguito in un soggiorno dove sono stati posizionati pannelli acustici diffusori alle pareti e pannelli fonoassorbenti del soffitto appesi al soffitto, garantendo così una corretta acustica. Il controllo dell’acustica della stanza è essenziale per il suono ideale. Pannelli ad assorbimento con diffusore-Due in un prodotto svolge due funzioni contemporaneamente, in quanto garantisce l’assorbimento dei suoni profondi e la corretta dispersione del suono nello spazio.

Abbiamo iniziato il test con Martin Garrix e la canzone di Bono & The Edge: We are the people. Sony ha prodotto un suono preciso e chiaro con una dinamica adeguata e un suono surround. Ha controllato i suoni correttamente anche a volumi più alti.

Abbiamo continuato le prove con il film di fantascienza del 2018 Repliche. Il ricevitore AV DH590 ha eccellenti capacità 3D e HDR10.

Svantaggio di esso

Il suono dell’amplificatore Sony DH590 può sembrare un po’ troppo ruvido e fragile per alcuni, quindi se ti piace il suono morbido e caldo, questo dispositivo potrebbe non essere adatto a te. Il DH590 si è comportato bene anche con altoparlanti fissi, ma forse anche meglio se utilizzato con altoparlanti da scaffale e subwoofer in una stanza più piccola.

Questo ricevitore non può riprodurre direttamente contenuti ad alta definizione, tramite USB o streaming audio di rete. I contenuti ad alta definizione devono essere riprodotti tramite un’altra sorgente, come un lettore SACD o un DAC.

Non c’è rete, controllo IP o altre opzioni di controllo speciali come RS-232. È davvero progettato per un sistema a una stanza che può essere controllato con un telecomando universale.

Altre marche hanno modelli simili a prezzi simili. Il Denon AVR-S540BT e lo Yamaha RX-V385 a cinque canali sono inoltre dotati di Bluetooth (nessun servizio di rete) e funzioni HDR10/Dolby Vision/HLG. Entrambi sono dotati di un ingresso USB che supporta la riproduzione audio ad alta definizione e il Denon è anche dotato di un ingresso HDMI extra.

Onkyo non offre un modello a cinque canali, ma il produttore ha ridotto il prezzo del nuovo sintoamplificatore AV TX-SR383 a 7.2 canali. Tuttavia, mancano la decodifica Dolby Atmos e DTS: X e il supporto Dolby Vision. Come il DH590, manca di funzionalità di rete.

Verdetto

Per un sistema HT a 5.1 canali, combinato con una libreria o diffusori da pavimento, un sintoamplificatore AV Sony potrebbe essere la scelta ideale. È molto facile da configurare, facile da usare e supporta importanti tecnologie AV. Se vuoi un dispositivo con funzioni semplici e di base, a un buon prezzo e senza la necessità di funzionalità extra, allora questo acquirente è solo per lui. Ancora più importante, l’STR-DH590 non risparmia sulle prestazioni, quindi non rimarremo delusi in questo settore. Tuttavia, se si insiste sulle funzionalità extra di ricevitori AV più costosi, scegliere invece un altro modello.

Scritto da Róbert Polgár